Archive for the ‘personale’ Category

Una gita in montagna, un sogno realizzato

Sunday, August 29th, 2021

Non sei in montagna. È la montagna a essere in te.

Rifugio Grand Tournalin, 28 agosto 2021

Ci sono persone che ti sono amiche, persone che hanno piacere della tua compagna, persone che ti sopportano. Poi ci sono persone che ti hanno a cuore e che ti vogliono bene.


Grazie Martina e Stefano, oggi mi avete reso felice e per qualche ora anche meno vecchio di quello che sono. Siete riusciti a realizzare un mio sogno e vi ringrazio di cuore.

Spero con tutto il cuore che la vita vi sorrida sempre e possiate realizzare i vostri sogni.

La montagna non è solo nevi e dirupi, creste, torrenti, laghi, pascoli. La montagna è un modo di vivere la vita. Un passo davanti all’altro, silenzio tempo e misura.

Perché della montagna mi piace l’assoluta semplicità, ecco cosa mi piace. Quando sei sul sentiero, in scalata, la tua mente è sgombra, libera da qualsiasi confusione: sei concentrato e, ad un tratto, la luce diventa più nitida, i suoni sono più ricchi e tu sei invaso dalla profonda, potente presenza della vita.

Alcuni problemi con il blog

Wednesday, August 25th, 2021

Da qualche giorno il blog sta facendo le bizze. Sto cercando di risolvere.

Portate pazienza

Auguri Diego e Raffaele

Saturday, July 24th, 2021

Oggi secondo me è una giornata speciale per Moncalvo. Speciale perché finalmente, dopo aver aspettato tanto tempo, e non ultimo le restrizioni imposte dalla pandemia, due cari amici hanno ufficializzato il loro amore.

Auguri di cuore a Diego e Raffaele. Siate sempre felici.

Non si cancellano i sogni

Saturday, January 23rd, 2021

Oggi una cara amica ha cercato di confortarmi con una frase molto bella.

Nel pomeriggio ci siamo scambiati una serie di messaggio. Contemporaneamente ero su Amazon che guardavo la mia lista dei desideri che ho chiamato “i sogni nel cassetto di Maury”.

Non starò ad annoiarvi ulteriormente. Vi dico solo che ho cancellato dalla lista dei desideri una serie di cose (in particolare dei libri) e l’ho detto alla mia amica.

Lei mi ha risposto: “non si cancellano i sogni”.

E’ vero, non si cancellano i sogni; ma quando sbatti il naso più volte nell’impossibilità di realizzarli è giusto tagliare senza pietà. Tu sai che ce l’hai messa tutta eppure ci sono cose che sono irrealizzabili.

Non ha senso sognare di vivere. Si vive tagliando senza pietà tutto quanto è illusione (sogno) che sai irrealizzabile.

E questo non è non guardare al futuro, pensarlo, progettarlo. Anzi. Forse è l’unico modo corretto di pensarlo. Per se e per gli altri.

Servirebbe una visione

Thursday, January 14th, 2021

Un 2021 che sembra solo un 2020 sotto un altro nome.

E’ questa la mia impressione per queste prime due settimane di nuovo anno. Abbiamo iniziato pieni di speranza e fiduciosi, ma già da subito questo 2021 si è rivelato non meno “ostico” e “sorprendente” del predecessore.

Una battuta che circola molto in rete è che se ci si mettesse nei panni del 2021 si avrebbe l’ansia da prestazioni.

Questo può spiegare, in parte, il nostro desiderio di vedere subito dei cambiamenti, dei risultati, come una persona che vede sorgere il sole secondo dopo secondo.

Questo è comprensibile, ma sappiamo bene quanto il cambiamento sia lavoro lungo, fatto giorno dopo giorno. Composto da piccole cose (apparentemente) i cui risultati si apprezzano nel tempo e mai sono immediati.

Tutto questo però ha la premessa della visione; che non significa solo immaginare come potrà essere il futuro domani. Significa alzarsi e proiettare lo sguardo sul futuro (che non è domani o le prossime scadenze imminenti) e comprenderne il significato. Progettare oggi il domani per farci trovare pronti e non subire passivamente.

Progettare il futuro è governarlo senza timore del cambiamento. E’ investire oggi risorse (umane ed economiche) per i prossimi 10 anni, quando si avranno risultati. E’ credere nelle persone e nel territorio.

Serve una visione, servono visionari.

Un diario di bordo per il 2021

Saturday, December 26th, 2020

Il Natale 2020 ha portato in dono un bellissimo regalo per una giovane che si affaccia alla vita. E’ un regalo apparentemente fuori tempo quello di un pennino, un diario, una serie di boccette di inchiostro colorato.

Perché un genitore, che per di più ha un blog, approva un regalo come questo? Apparentemente sembra un regalo inutile in questa nostra era dominata dalla tecnologia, dalla presenza online, dai selfie, dal pubblicarsi costantemente.

Ma sui nostri profili social, in rete, pubblichiamo veramente quello che siamo o solo quello che gli altri si aspettano di vedere? Siamo originali o semplici fotocopie? Lasciamo parlare veramente i nostri pensieri, il nostro cuore, o ci limitiamo al più facile copia-incolla?

Credo non ci sia nulla di più emozionante che scrivere un diario; il proprio diario di bordo. Senza nessuna pretesa se non quella di mettere nero su bianco le proprie emozioni e il proprio affacciarsi alla vita. Raccontare e raccontarsi scrivendo non è solo crescita personale, è un poco come andare in montagna: si sale fisicamente ma si scende spiritualmente nelle profondità del nostro animo, dei nostri pensieri.

Così è per la scrittura: la pagina bianca è qualcosa che ci spaventa e terrorizza con la sua immensità rinchiusa in un A4. Poi incominciamo a scrivere, e man mano saliamo questa paura, iniziando a riempire di parole quello spazio bianco. Ma al contempo scendiamo dentro noi stessi; scaviamo nelle nostre emozioni, sentimenti, pensieri per fissarli in parole. All’inizio abbiamo paura ad immergerci completamente dentro quel mare che è la nostra intimità; come un giovane pescatore di spugne ancora timoroso di restare immerso a lungo sott’acqua. Poi pian piano si prende confidenza e ci si tuffa sempre più in profondità e sempre più a lungo per tirar fuori perle preziose. Che stupiscono noi stessi per primi.

E’ stato detto che scrivere è terapeutico. Forse prima ancora che terapeutico è necessario a noi stessi. Scrivere bene è pensare bene. Iniziando da ragazzi e proseguendo per tutta la vita. Lo facciamo per noi stessi e per gli altri.

Natale 2020

Saturday, December 19th, 2020

Per questo strano Natale 2020 ho un solo desiderio: quello di avere in dono il talento di scrivere tutto quello che ho dentro. La rabbia, la frustrazione, il desiderio di mandare tutto a ramengo come si dice dalle mie parti.

Non riesco a trovare un solo motivo per festeggiare in questo periodo. Credevo di aver superato indenne tutti le conseguenze psicologiche di questo periodo; invece mi sto rendendo conto che queste mi hanno scavato dentro togliendomi sicurezza, voglia di vivere, impegnarsi, affrontare comunque la vita.

E’ vero che mi sto impegnando in alcuni progetto che mi stanno a cuore, ma è come se lo facesse un’altra persona. E’ come stessi guardando un altro che si impegna. E le piccole soddisfazioni che si ottengono non scalfiscono il muro duro dell’indifferenza, della tristezza.

Mai come quest’anno sento la mancanza di mia mamma e mio papà e di un loro abbraccio.

In vista del Natale 2020

Sunday, December 13th, 2020

Si avvicina questo strano Natale 2020 e anche io mi sto rendendo conto che non sono come quello degli anni passati.

Gli esami sono andati benino (si poteva fare meglio eh!) però ho quella sensazione che quest’anno sarà diverso. Non so, sono triste, pensieroso e pessimista.

No, non sarà come gli altri anni. E questo mi rattrista.

Natale 20&20 il nuovo podcast dell’Oratorio di Moncalvo

Saturday, November 28th, 2020

Gli amici e i ragazzi dell’Oratorio di Moncalvo sono stati così pazzi da chiedere al sottoscritto la consulenza tecnica per il loro nuovo podcast.

Hanno spinto la loro “pazzia” a chiedere anche un mio contributo alla prima puntata. E nonostante la mia pessima voce, il podcast è venuto bene grazie al contributo dei ragazzi.

Come al solito una grande parte del merito è dell’amica Stefania, che se non ci fosse Moncalvo sarebbe davvero più triste e povera.

Un dono lungo 13 anni

Friday, November 6th, 2020

Cara amica, oggi sono passati 13 anni dal tuo dono. Mai avrei pensato di festeggiare il nostro anniversario nel bel mezzo di una pandemia ed in lockdown.

Quando ci incontriamo nei miei sogni vedo sempre il tuo sorriso da lontano. Ti intravedo tra le nebbie e capisco che mi guardi con affetto, eppure il tuo volto mi sfugge sempre. Lo so che ti vedrò alla fine di tutto, ma non puoi immaginare il mio desiderio di vederti completamente.

Come raccontarti questo anno appena trascorso? Questi mesi con gioie e dolori, avvenimenti felici e altri tristi? Non avere paura per me e per il tuo dono. Cerco di comportarmi bene e di stare attento. Nonostante tutto.

Adesso siamo nuovamente in lockdown, bloccati nella nostra quotidianità grigia come se ci avessero tolto il futuro. Viviamo così, come sospesi in attesa di poter tornare alla nostra vita. Un po’ come quando ero in dialisi. Ma paradossalmente in quel periodo mi sentito più protetto di ora. E con meno rimorsi; più rassegnato.

Lo so che non approvi il mio “senso di colpa” che mi trascino dietro dal giorno del tuo dono. Non riesco ancora ad accettare completamente, a sentirmi degno, adeguato al tuo gesto d’amore.

Provo a scriverti parole su di te e sul nostro rapporto, ma più scrivo, più mi rendo conto di quanto siano inadeguate e poco adatte. Non è facile raccontare il ritorno alla vita grazie al gesto d’amore di altri. No, non è facile.

Alcune belle persone che ho conosciuto su Twitter (e sono certo che ti sarebbero piaciute) a volte mi chiamano Mau. Non gli ho mai detto che immagino sempre che anche tu mi chiami così. Un’abbreviazione piena di affetto e tenerezza.

Buon anniversario cara amica. Mille e mille tenerezze