Archive for the ‘personale’ Category

La donazione degli organi e l’anonimato

Monday, June 8th, 2020

Ricopio qui il tweet che ho scritto ieri sera a caldo dopo un servizio mandato in onda dal TG1 delle 20:00 del 07/06/2020 sulla donazione degli organi.

Questa sera al TG1 hanno fatto vedere un servizio sulla mamma di un ragazzo deceduto per un brutto incidente. Questa mamma ha acconsentito alla donazione degli organi del figlio, in particolare dei polmoni che sono stati trapiantati ad una persona colpita da Covid-19.
Ovviamente abbraccio fraterno alla mamma e ammirazione immensa per il dono che ha acconsentito venisse dato alla persona che lo ha ricevuto.


Come non abbracciare e baciare quella mamma? Come non amarla? Come non essere dalla sua parte? Così come non gioire per una vita che rinasce? Per una persona alla quale viene concessa una seconda occasione per puro amore? Io l’ho provato sulla mia pelle. Non passa giorno che non mi interroghi sul significato del dono ricevuto. Come non passa notte che i miei sogni non siano abitanti dalla “mia amica” come ormai ho preso a chiamare il mio donatore.

Non pensiate che chi riceve un organo e ritorna alla vita non si interroghi sulla sua identità che non può non riconoscere che non coincide più con la sua vecchia; avendo ricevuto una nuova “iniezione di vita” in modo gratuito e questa presenza popola la nostra vita, le nostre notti; ci guida nelle scelte, è parte di noi ormai.

Detto questo, come non trovare inappropriato il servizio? Ricordo che la legge 91/1999 che disciplina la donazione e il trapiantato d’organo garantisce l’anonimato anzi è un obbligo di legge. Tant’è che si è pronunciato su questo anche il Comitato Nazionale di Bioetica che nel parere del 27/09/2018 ha ribadito che l’anonimato deve essere garantito nella fase iniziale e successiva al trapianto e solo dopo che sia trascorso un congruo tempo, previa espressa volontà sia della famiglia del donatore sia del ricevente si può superare (eventualmente) l’anonimato. Inoltre sempre il CNB auspica che eventuali rapporti tra famiglia del donatore e il ricevente siano gestiti da enti terzi possibilmente del S.S.N.
Ecco, a mio modesto parere il servizio del TG1 è andato oltre.

Sarebbe auspicabile rispettare le indicazioni del CNB e comunque lasciare che queste scelte siano discusse nelle sedi appropriate e non forzando le cose in un modo o nell’altro.
Vogliamo parlare di donazione di organi? Invitiamo chi può parlare e testimoniare per esperienza personale: intervistiamo i trapiantati, intervistiamo le associazioni come Aido che da anni si impegnano tutti i giorni per la diffusione di una vera ed autentica cultura della donazione e del dono.
Facciamo pubblicità, informazione sul consenso informato, sulle attività di promozione della donazione e lasciamo fuori (almeno in questo campo) gli scoop o i servizi strappalacrime e consensi facili. Non servono a nulla e non cambiano la realtà intorno a noi; perché di storie come Nicholas Green non sempre ce ne sono.

Le maestre di Adele

Sunday, June 7th, 2020

Questo periodo di lockdown è stato certamente duro per tutti e ci ha profondamente colpiti, lasciandoci cicatrici che non dimenticheremo. Ci ha cambiati? Forse si, forse no. Ancora non riesco a darmi una risposta definitiva.

Certamente ha colpito in modo violento e drammatico un settore della nostra società tra i più importanti: la scuola. Per gli insegnanti e i ragazzi è stata una vera e propria rivoluzione e comunque la pensiate è stata una svolta, un cambio di passo imposto più con la forza delle circostanze che con la scelta degli insegnanti.

Non voglio certamente negare che in Italia ci siano stati insegnanti che durante questo periodo sono “scomparsi” e/o si sono limitati alla solita routine magari utilizzando la DAD solo per l’assegnazione dei compiti. Credo però che la maggioranza del corpo docente della scuola, pur consapevoli dei propri limiti nella DAD, si sia gettato anima e corpo in questo impegno verso di nostri ragazzi nel farli comunque sentire a scuola.

Certo ci sono state aree di eccellenze, altre meno. Ed occorrerĂ  riflettere bene sulle conseguenze di esclusione che la DAD implica verso i soggetti piĂą deboli e verso le famiglie con un digital divide culturale piĂą marcato. La vera sfida che la scuola si troverĂ  ad affrontare nel futuro sarĂ  proprio questa. Infatti non credo che si potrĂ  tornare indietro. E’ pertanto necessario trovare soluzioni che limitino i danni che un uso massiccio della DAD necessariamente porta con se.

Qui a Moncalvo, nella classe V elementare frequentata da Adele abbiamo avuto la fortuna di incontrare maestre straordinarie; che da subito si sono messe in gioco loro per prime con la DAD e poi insieme ai genitori e ai bambini hanno saputo attraversare questo periodo di lockdown senza mai scoraggiarsi, senza mai abbandonare al loro destino i bambini.

Videolezioni, compiti, verifiche, videochiamate di classe; tutto per non far pesare il dolore della quarantena ai bambini: per non farli sentire abbandonati da loro e dai compagni. Per non parlare della collaborazione costante, del dialogo sempre aperto e costruttivo con i genitori,

Un impegno nel quale le maestre della classe V elementare di Moncalvo non si sono risparmiate; giornate, serate, sabati e domeniche. E questo loro impegno generoso e totale a me ha ricordato (ancora una volta) il discorso di Al Pacino nel film “Ogni maledetta domenica”; perchè appena dopo la chiusura delle scuole me le sono immaginate così: “o adesso noi risorgiamo come classe, come scuola, oppure cederemo, un centimetro alla volta, una materia dopo l’altra, fino alla sconfitta. “

Queste maestre hanno saputo risalire le pareti dell’inferno di questo lockdown un centimetro alla volta, portandosi dietro i nostri ragazzi. E adesso che siamo alla fine e siamo alla somma, questi centimetri hanno fatto la differenza: avete vinto!

Grazie Cristina, Gabriella, Simona, Stefania, Valeria. Grazie di cuore di aver fatto parte della nostra vita, della vita dei nostri bambini. E’ stato un onore per noi questo cammino insieme.

Perchè come ha citato giustamente Adele: nessun bambino è perduto se ha un insegnante che crede in lui.

L’attenzione

Sunday, May 24th, 2020

In un bellissimo libro che consiglio: “la variante di Luneburg” c’è una parte dedicata all’attenzione. Il protagonista sbaglia una mossa di scacchi e perde la partita. Il suo maestro gli fa trovare, il giorno dopo, un articolo di cronaca dove c’è raccontato un incidente con vittime. L’articolo è accompagnato da poche righe dove ci si domanda se quello che è accaduto non fosse dipeso anche dalla scarsa attenzione della mossa.

Simone Weil ha scritto cose bellissime sull’attenzione definendola la forma più rara e pura di generosità e come non ricordare in film blu di Kieslowski la frase rivolta alla protagonista: “bisogna sempre guardarsi intorno”.

Chi può dire con certezza che le proprie parole o azioni non hanno nessuna influenza? Il fatto stesso di essere qui su internet è perché pensiamo (la maggioranza di noi) che perlomeno i nostri pensieri qualcosa valgono e ci piacerebbe condividerli con gli altri. Una sorta di attenzione agli altri nel cercare di donare un qualcosa di noi. Ma c’è anche un’attivazione verso se stessi, lo sforzo di pensare bene, di scrivere bene, non dimenticando che le nostre parole sono pesanti.

L’attenzione ci permette di raccogliere i frutti piĂą profondi della propria umanitĂ , sospendendo il nostro pensiero per lasciarlo disponibile, vuoto e permeabile dall’oggetto.

Pasqua 2020

Sunday, April 12th, 2020

Oggi è Pasqua, una Pasqua diversa dal solito e probabilmente unica. Per i credenti la Pasqua è il centro della fede perchè se Cristo non è risorto vana è la nostra fede e noi siamo i più reietti degli uomini.

Ma anche se non siamo credenti questa Pasqua assume un significato simbolico come mai prima. E’ davvero un passaggio epocale; chi di noi potrĂ  dire sinceramente che nulla è cambiato e siamo gli stessi di prima?

Dobbiamo cambiare. Ma lo facciamo perchè costretti dalle circostanze o perchè siamo realmente convinti che serve una nuova via, un nuovo modo di pensare, un nuovo modo di vivere,un nuovo modo di stare insieme, un nuovo modo di amare? Più veri, più sinceri, più umani di quelli che finora abbiamo praticato.

Nella cultura Ebraica, la Pasqua oltre al significato che conosciamo, è anche il momento in cui si butta via il vecchio lievito e si genera quello nuovo. Ecco il significato del pane azzimo.Per un certo periodo non è ancora pronto il nuovo lievito e pertanto il pane è azzimo, non lievitato. E’ nutrimento, sostiene l’uomo, ci nutre, ma non è buono al palato, non ci soddisfa appieno.

Ma adesso è Pasqua. Il lievito è pronto dopo questa lunga quaresima. E’ il momento di impastare il nuovo pane con il lievito nuovo. E’ il momento di ritrovare la nostra umanitĂ  e fratellanza.

E’ il momento di far lievitare la nostra vita insieme agli altri, per gli altri. Ognuno di noi può e deve fare fare la sua parte in modo che davvero #andratuttobene e il domani sia ancora piĂą radioso e gli abbracci ancora piĂą veri di quelli di oggi.

Non ci deve abbandonare la speranza, non dobbiamo farci abbattere dalla tristezza e dal dolore. Ritroveremo il significato della nostra vita ancora piĂą chiaro, ritroveremo la nostra capacitĂ  di amare ancora piĂą forte, le nostre amicizie ancora piĂą vere, la bellezze del mondo ancora piĂą sfolgorante. Non perdiamo la speranza. Il dolore, la malattia, la morte non hanno l’ultima parola sull’uomo e questo vale sia per chi crede, sia per chi non crede.

Questo è il mio augurio per questa straordinaria Pasqua 2020: non tenere nulla del vecchio lievito e impastare il nuovo pane con solo il nuovo lievito perchè davvero sia un nuovo inizio.

Auguri darlings mille e mille tenerezze

Le stories di Aido Asti

Wednesday, April 8th, 2020

Gli amici di Aido Asti mi hanno chiesto di raccontare la mia storia. La trovate qui se vi avanzano 5 minuti

La Parrocchia di Moncalvo e la sua comunitĂ  ai tempi del Covid-19

Thursday, March 26th, 2020

Come i miei affezionati 5 lettori sanno, il sottoscritto, trapiantato e immunodepresso è persona a rischio in questo periodo di quarantena. Ho lavorato in ufficio fino a fine febbraio, poi grazie alla grande professionalitĂ  dell’azienda dove lavoro (in particolare del mio capo) abbiamo attivato lo smart working.

Il problema che però si è presentato in questi giorni è la scorta dei farmaci immunosoppressori che devo assolutamente prendere per il trapianto. Sono medicinali che non si trovano in farmacia, nĂ© possono essere prescritti dal proprio medico di famiglia. Vengono consegnati direttamente dal centro trapianti. Ho telefonato in ospedale e l’infermiera mi ha detto: “scordati di venire in ospedale; tu sei a rischio; cerca di mandare qualcuno”. GiĂ , mandare qualcuno. Ma chi? Katia? Poteva essere una soluzione, Lei è forte, non a rischio, però se va male è come se andassi io stesso; non è che non ci frequentiamo io e Katia….

Ci è venuto in mente il nostro parroco Don Giorgio. Sappiamo che lui adesso è costantemente in ospedale (è un ex infermiere), la chiesa e l’oratorio sono chiusi, ma lui ancora piĂą di prima (è anche cappellano in ospedale) si prodiga per gli altri, gli ultimi, per chi ha bisogno.

E’ bastato un semplice messaggio ieri pomeriggio e oggi hanno suonato alla nostra porta; era Don Giorgio nella sua classica divisa d’ordinanza da “non prete” (con mascherina e guanti) con il pacco dei farmaci. Credo che manco se lo convocasse Papa Francesco si vestirebbe da prete 🙂 ) Un breve scambio di parole (a distanza), un saluto affettuoso fatto con gli occhi (come una carezza) e via: io in casa e lui verso il suo gregge, verso gli altri. Credo di non averlo mai sentito così vicino, così “mio parroco” come in questi momenti.

Ma oltre a Don Giorgio, vorrei ricordare qua l’amica Stefania con cui periodicamente ci sentiamo e che mi ha portato altri farmaci piĂą comuni. La Rosetta e il Sandrino del negozio di alimentari di Moncalvo; oltre che prodigarsi a portare la spesa a casa per molti cittadini (io compreso) sono persone di una rara umanitĂ  e gentilezza. Il Fabio del negozio di verdura, la Susanna della farmacia, Anna Lettera che sta cucendo mascherine, la Scuola di Moncalvo e tutti gli insegnanti che si stanno impegnando per i nostri ragazzi, e potrei continuare…

Forse ci stiamo riscoprendo, pur tra mille difficoltĂ , una comunitĂ  unita e questo, una volta passata la tempesta, non dovremmo dimenticarlo.

La seconda settimana di smart working

Saturday, March 21st, 2020

Da lunedì 16 ho iniziato la seconda settimana di smart working. Inizio ad abituarmi all’idea di lavorare da casa per un periodo che sarĂ  lungo. Leggendo in rete le esperienze di altre persone che fanno smart working ho cercato di copiarne i suggerimenti.

Il primo che ho messo in pratica è quello di cercare di avere una routine; nel mio caso svegliarmi come dovessi andare effettivamente in ufficio, quindi colazione e poi collegarmi e lavorare con l’orario effettivo dell’ufficio 8:00-12:30, pausa pranza, 13:30-17:00.

Il secondo suggerimento che ho messo in pratica, che può sembrare banale, è quello di vestirmi come dovessi effettivamente uscire; certo non ho messo “la vestimenta”, ma non sono rimasto in pigiama proprio per entrare in una ottica lavorativa.

Sono due piccoli accorgimenti che mi hanno aiutato a superare il primo momento di imbarazzo; quel momento in cui ti metti davanti al pc e pensi: “e adesso?”.

Una prima riflessione che voglio mettere qui, nero su bianco, è che non siamo ancora effettivamente pronti per lo smart working; sia dal punto di vista delle aziende, sia da quello dei lavoratori. E’ un modo di lavorare diverso, e questa sua diversitĂ  deve essere compresa e programmata. Non è pensabile fornire la tecnologia per lo smart working alle persone e poi trasferire semplicemente l’attuale modo di lavorare. Non può funzionare così. Il lavoro deve essere in qualche modo ripensato.

Penso alla prime telefonate o alle prime mail dei colleghi: ho chiesto al capo se potevo chiamarti/scriverti……. Ma se ho mandato una mail a tutti dicendo che da oggi lavoro da casa, mi potete contattare come sempre ……

Non siamo ancora pronti; però questo tempo “sospeso” che ci è dato può essere usato per studiare e progettare. E’ anche questa un’occasione. Cerchiamo di coglierla.

Riflessione fine anno 2019

Tuesday, December 31st, 2019

E’ finito un altro anno. Molti di noi in questi giorni fanno un bilancio dell’anno trascorso e alcune volte è positivo, altre negativo. Io non ho mai amato fare bilanci a fine anno; per me la vita non è una “partita-doppia”; un dare-avere. Per me la vita è un cammino, una strada da percorrere. A volte in salita, a volte in discesa; ma sempre in compagnia di qualcuno, perché è questo l’importante: camminare insieme. Con qualche persona cammineremo per molto, con altri di meno. Con ognuna di loro condividerò un pezzo della mia vita, delle mie esperienze, delle mie emozioni; e nella condivisione non c’è un dare-avere perché ognuno prende e dona contemporaneamente.

Certo a volte ci si ferma per prender fiato perché stiamo faticando, per aspettare qualcuno rimasto indietro, per rialzare chi è caduto. E’ la nostra vera natura di uomini. Ci realizziamo pienamente solo insieme agli altri, nel rapporto con gli altri. Nessun uomo è un’isola, intero in sé stesso; e questa verità non dovremmo mai dimenticarla.

Ma se la vita è un cammino, io come sto camminando? E con chi? E verso dove? Sono domande che periodicamente mi ritornano e alle quali cerco (barcamenandomi molto) di dare risposte. Durante il percorso di quest’anno ho raggiunto certamente alcuni traguardi che mi hanno riempito di gioia; altresì mi sono reso conto sempre di più di quanto manchino alcune persone nella mia vita. Alcuni amici, alcuni parenti, mia mamma e mio papà. Ho nostalgia di loro, di sentirli accanto, di potermi fermare sapendo che anche loro si fermerebbe e mi aspetterebbero; sarebbero lì con una parola di conforto, di incoraggiamento ad alzare lo sguardo verso la cima ormai vicina (come quando si cammina in montagna).

Io ho superato la prova di crescere senza mio papà (perduto quando avevo 4 anni), di crescere senza ricordi di me e lui, senza un modello, un esempio, anche fosse solo per dire: non sarò mai così”. E se fino a qualche anno fa non ci pensavo spesso, adesso è diventato un chiodo fisso ed un peso difficile da portare. Non ci si abitua mai alla mancanza delle persone alle quali si vuole bene e la nostra sola consolazione sono i ricordi (per chi li ha).

Al nuovo anno chiederei un cammino meno accidentato; non tanto per me, ma per quelli che mi stanno vicino e per le persone alle quali voglio bene. Vederle faticare, soffrire, piegarsi sotto i colpi della vita e (a volte) non essere capace di esprimere anche solo di una parola di conforto mi fa sentire ancora di più il peso del mondo. Chiedo di poter fare ancora qualche passeggiata in montagna; di quelle come si deve, verso l’alto, per ritrovare quel senso di pace con il mondo (e con Dio) che solo la montagna sa darmi.

Buon 2020 a Katia e Adele e grazie per l’immenso amore che ricevo ogni giorno e che cerco di ricambiare. Possa essere davvero un felice nuovo anno e camminiamo insieme per realizzare i nostri sogni.

Un grazie ai miei affezionati 5 lettori di questo blog e a quanti hanno la bontĂ  di seguirmi su Twitter. Possiate realizzare i vostri sogni ed essere felici.

E grazie ancora, cara amica, che sei sempre con me, per questo cammino insieme. Tu sai che non passa giorno senza un pensiero per te.

Qualche info sulla donazione e sui trapianti

Thursday, November 28th, 2019

Ci ho pensato molto in questi giorni, causa anche un poco felice tweet che ha scatenato polemiche.

Avviso i miei 5 lettori che il post è un poco lungo

Premessa doverosa: il sottoscritto non parla per sentito dire, ho fatto 12 anni fa un trapianto di rene e, insomma, qualcosa ne sa; tuttavia al fondo di questo post ci sono alcuni link di siti che si occupano tutti i giorni di trapianti e di donazione di organi e sui quali è possibile reperire tutte le info necessarie.

Il trapianto d’organo è spesso l’unica terapia efficace (e salvavita) per alcune gravi patologie. Tutti ricordiamo Christiaan Barnard e il primo trapianto di cuore del 1967, e la storia della medicina del 900 è spesso anche la storia della ricerca e dei metodi per rendere efficaci i trapianti e ridurre al minimo i casi di rigetto; cioè la reazione del sistema immunitario del ricevente che individua nel nuovo organo un corpo estraneo e cerca di distruggerlo.

La donazione di organi in Italia è disciplinata dalla legge 91/99, a detta di molti un’ottima legge, anche se non completamente applicata per la parte riguardante il silenzio assenso. Comunque se l’Italia in molti campi è in ritardo rispetto ad altri paesi europei, questo non è il caso dei trapianti. Qui davvero siamo un modello europeo (per non dire mondiale) e i vari centri trapianti italiani sono spesso punti di riferimento europei.

La legge 91/99 indica chiaramente quali organi e tessuti si possono donare dopo la morte, e disciplina chiaramente anche i casi di trapianti da vivente (rene o parte del fegato) e che possono avvenire solo in condizioni particolari. Gli organi che è possibile trapiantare sono: cuore, fegato, rene, pancreas, polmone, intestino. Per quanto riguarda i tessuti: le cornee, la cute, testa del femore, tendini, cartilagini, valvole cardiache, vasi, arterie.

Per poter prelevare gli organi da una persona si deve accertarne clinicamente la morte seguendo una precisa procedura clinica, e solo dopo questo passaggio, e solo se la persona ha chiaramente espresso la sua volontà alla donazione si può procedere al prelievo degli organi/tessuti e procedere poi nell’arco di pochissime ore ai trapianti.

La legge 91/99 ha istituito il CNT e il SIT, cioè il centro nazionale trapianti e il sistema informativo trapianti. Il CNT è l’organismo tecnico-scientifico preposto al coordinamento della Rete Nazionale Trapianti, ha funzioni di indirizzo, coordinamento, regolazione, formazione e vigilanza della rete trapiantologica, nonché funzioni operative di allocazione degli organi per i programmi di trapianto nazionali e, in particolare, il programma urgenze, il programma pediatrico, il programma iperimmuni, il programma split- fegato, il programma cross-over per il rene, gli scambi di organi con Paesi esteri.

Il SIT è una infrastruttura informatica per la gestione dei dati collegati all’attivitĂ  della Rete Nazionale Trapianti. Attraverso il SIT è possibile garantire la trasparenza e la tracciabilitĂ  dei processi di donazione, prelievo e trapianto.

Oltre alla raccolta e al controllo delle liste dei pazienti in attesa di ricevere un trapianto, tra le principali funzioni del SIT ci sono:

la registrazione

  • delle dichiarazioni di volontĂ  sulla donazione di organi e tessuti dopo la morte
  • del flusso dei dati sull’attivitĂ  di donazione, prelievo, trapianto e post trapianto di organi
  • del flusso dei dati sull’attivitĂ  di donazione dei tessuti attraverso l’assegnazione della Sequenza Identificativa della Donazione (SID)
  • dei follow-up di tutti i pazienti che hanno ricevuto un trapianto di organo
  • dei decessi con lesione cerebrale

la gestione

  • del registro dei donatori viventi di organi
  • del sistema di segnalazione degli eventi e delle reazioni avverse gravi riguardanti organi e tessuti
  • dei programmi nazionali di trapianto quali il programma iperimmuni, il programma pediatrico e quello delle urgenze

Sul sito del SIT sono disponibili i report sull’attivitĂ  di donazione e trapianto della Rete Nazionale Trapianti, le analisi sulla valutazione degli esiti dei trapianti e le statistiche aggiornate sulle dichiarazioni di volontĂ  in materia di donazione di organi e tessuti registrate presso le ASL, i Comuni e l’AIDO.

Come detto sopra, si è potenziali donatori solo dopo aver chiaramente espresso la propria volontà in tal senso, non vale cioè il silenzio assenso (previsto dalla legge 91/99). Come si diventa potenziali donatori? Presso le ASL, con il testamento biologico, iscrivendosi all’AIDO, qualcuno di noi ha ricevuto a suo tempo dal Ministero della Sanità la famosa Donacard (un tesserino blu dove si doveva barrare la volontà o meno alla donazione e da conservare con i propri documenti); recentemente anche rinnovando la carta d’identità è possibile esprimere la propria volontà alla donazione. In qualsiasi modo ci si esprima, si entra nel SIT, cioè nell’elenco nazionale dei potenziali donatori ed in caso di morte si potranno donare organi/tessuti.

Questo (molto sinteticamente) per i potenziali donatori. E i pazienti riceventi? Anzitutto deve essere chiaro che per poter accedere alla lista trapianto una persona deve soffrire di determinate patologie per le quali, l’unica terapia definitiva (e spesso salvavita) per la guarigione è il trapianto. Una volta diagnosticata la patologia, il paziente è sottoposto ad una serie di esami clinici volti a quella che si chiama tipizzazione del ricevente ovvero, in caso di disponibilità dell’organo da trapiantare, poter confrontare quest’organo e trovare il paziente più compatibile, ovvero quello che presenta maggiori possibilità che l’intervento di trapianto riesca. Tipizzato il paziente e verificato tutto, il centro regionale trapianti aggiunge la persona alla lista d’attesa per il trapianto. Le liste d’attesa sono a livello regionale, ovvero un paziente residente in Piemonte si potrà iscrivere solo per la lista d’attesa del Piemonte. I pazienti pediatrici e i pazienti in grave pericolo di vita sono invece iscritti nell’apposita lista nazionale. Deve altresì essere chiaro che per poter entrare in lista trapianto (e rimanerci) il paziente deve necessariamente seguire la terapia clinica di mantenimento (ovvero quella che gli permette di essere vivo o perlomeno di sopravvivere). Nessun dubbio quindi che delle 8688 (dati al 29/11/2019) attuali persone in attesa di un trapianto, tutte lo hanno bisogno e tutte sono “uguali”. L’assegnazione dell’organo al ricevente è fatta con rigorosi criteri scientifici/medici senza distinzioni tra chi è in lista.

Va altresì detto che la legge 91/99 “protegge” sia il donatore (e i suoi familiari) che il ricevente. Chi è trapiantato, del proprio donatore non sa assolutamente nulla, a parte una decina di parametri clinici che indicano il grado di compatibilità. Idem per i familiari del donatore. La donazione è un gesto assolutamente disinteressato, gratuito, di amore nei confronti dell’umanità e nei confronti di altre persone che rimarranno sconosciute. In questo modo è garantita sia la riservatezza del dolore dei familiari, sia eventuali sensi di colpa del ricevente che potrebbero instaurare un rapporto “malsano” con i familiari del donatore. Nessun trapiantato però scorderà mai che deve letteralmente la vita ad una persona sconosciuta che con un grande gesto d’amore ha permesso che la vita rifiorisse. Io la “mia amica” (so che è una donna) la penso e la ricordo tutti i giorni. E’ sempre con me.

Spero di aver in parte chiarito (per quel poco che ho scritto) cosa significa trapianto, donazione. Cosa significa sperare di ricevere la telefonata del centro trapianti che ti chiede di prepararti che c’è la possibilità del trapianto. Cosa significa vivere sapendo che lo si deve ad una persona sconosciuta, ad un gesto infinito d’amore; alla scommessa sull’umanità, sulla parte migliore dell’uomo.

Vi lascio alcuni link

https://www.aido.it/

http://www.trapianti.salute.gov.it/trapianti/homeCnt.jsp

http://www.trapiantipiemonte.it/index.html

12 anni

Wednesday, November 6th, 2019

Cara amica, sono passati 12 anni dal tuo dono. Un tempo lungo per gli uomini, perché dimenticano in fretta. Io però non ho dimenticato quel giorno quando arrivò la telefonata dal centro trapianti.

Né ho dimenticato tutti i momenti successivi: le visite preliminari in ospedale alla sera; la notte lunga e interminabile passata sveglio; la seduta di dialisi preparatoria al mattino e poi il viaggio a Novara con i preparativi e l’attesa della sala operatoria.

No, non ho dimenticato nulla di quelle 36 ore, né di tutte le altre ore che sono passate da allora. Non è passato giorno senza che almeno un mio pensiero sia stato per te.

In questi giorni ho pensato molto a cosa scrivere per l’occasione. Sai, ho un piccolo blog dove racconto di me (e di te) e anche su Twitter. In particolare su Twitter ho conosciuto persone che come dire, ti sarebbero piaciute; quelli della seconda occasione come me, e quelli che permettono il realizzarsi di questo grande gesto d’amore.

Ci provo, cara amica, a scrivere qualcosa di nuovo. Ma cancello spesso perché sembra tutto banale e sdolcinato quello che scrivo. E poi lo sai, non bisogna nutrire la bestia della colpa; il nemico più pericoloso per noi della seconda occasione.

Cerco di stare in silenzio, di ascoltarti, tocco la ferita ed è come se mi abbracciassi. Così senza una parola, solo il gesto che scalda il cuore, indipendentemente dalle parole dette. E poi sai che abbiamo i nostri appuntamenti nei miei sogni.

In questi anni ho parlato e scritto di te, e mi sembra sempre di scrivere e dire poco e male. E ti immagino che mi guardi e sorridi come a dire: va bene così Maury.

Mi scaldo ai tuoi abbracci che mi hanno ridato la vita.

Buon anniversario cara amica. Mille e mille tenerezze