Archive for November, 2019

Qualche info sulla donazione e sui trapianti

Thursday, November 28th, 2019

Ci ho pensato molto in questi giorni, causa anche un poco felice tweet che ha scatenato polemiche.

Avviso i miei 5 lettori che il post è un poco lungo

Premessa doverosa: il sottoscritto non parla per sentito dire, ho fatto 12 anni fa un trapianto di rene e, insomma, qualcosa ne sa; tuttavia al fondo di questo post ci sono alcuni link di siti che si occupano tutti i giorni di trapianti e di donazione di organi e sui quali è possibile reperire tutte le info necessarie.

Il trapianto d’organo è spesso l’unica terapia efficace (e salvavita) per alcune gravi patologie. Tutti ricordiamo Christiaan Barnard e il primo trapianto di cuore del 1967, e la storia della medicina del 900 è spesso anche la storia della ricerca e dei metodi per rendere efficaci i trapianti e ridurre al minimo i casi di rigetto; cioè la reazione del sistema immunitario del ricevente che individua nel nuovo organo un corpo estraneo e cerca di distruggerlo.

La donazione di organi in Italia è disciplinata dalla legge 91/99, a detta di molti un’ottima legge, anche se non completamente applicata per la parte riguardante il silenzio assenso. Comunque se l’Italia in molti campi è in ritardo rispetto ad altri paesi europei, questo non è il caso dei trapianti. Qui davvero siamo un modello europeo (per non dire mondiale) e i vari centri trapianti italiani sono spesso punti di riferimento europei.

La legge 91/99 indica chiaramente quali organi e tessuti si possono donare dopo la morte, e disciplina chiaramente anche i casi di trapianti da vivente (rene o parte del fegato) e che possono avvenire solo in condizioni particolari. Gli organi che è possibile trapiantare sono: cuore, fegato, rene, pancreas, polmone, intestino. Per quanto riguarda i tessuti: le cornee, la cute, testa del femore, tendini, cartilagini, valvole cardiache, vasi, arterie.

Per poter prelevare gli organi da una persona si deve accertarne clinicamente la morte seguendo una precisa procedura clinica, e solo dopo questo passaggio, e solo se la persona ha chiaramente espresso la sua volontà alla donazione si può procedere al prelievo degli organi/tessuti e procedere poi nell’arco di pochissime ore ai trapianti.

La legge 91/99 ha istituito il CNT e il SIT, cioè il centro nazionale trapianti e il sistema informativo trapianti. Il CNT è l’organismo tecnico-scientifico preposto al coordinamento della Rete Nazionale Trapianti, ha funzioni di indirizzo, coordinamento, regolazione, formazione e vigilanza della rete trapiantologica, nonché funzioni operative di allocazione degli organi per i programmi di trapianto nazionali e, in particolare, il programma urgenze, il programma pediatrico, il programma iperimmuni, il programma split- fegato, il programma cross-over per il rene, gli scambi di organi con Paesi esteri.

Il SIT è una infrastruttura informatica per la gestione dei dati collegati all’attivitĂ  della Rete Nazionale Trapianti. Attraverso il SIT è possibile garantire la trasparenza e la tracciabilitĂ  dei processi di donazione, prelievo e trapianto.

Oltre alla raccolta e al controllo delle liste dei pazienti in attesa di ricevere un trapianto, tra le principali funzioni del SIT ci sono:

la registrazione

  • delle dichiarazioni di volontĂ  sulla donazione di organi e tessuti dopo la morte
  • del flusso dei dati sull’attivitĂ  di donazione, prelievo, trapianto e post trapianto di organi
  • del flusso dei dati sull’attivitĂ  di donazione dei tessuti attraverso l’assegnazione della Sequenza Identificativa della Donazione (SID)
  • dei follow-up di tutti i pazienti che hanno ricevuto un trapianto di organo
  • dei decessi con lesione cerebrale

la gestione

  • del registro dei donatori viventi di organi
  • del sistema di segnalazione degli eventi e delle reazioni avverse gravi riguardanti organi e tessuti
  • dei programmi nazionali di trapianto quali il programma iperimmuni, il programma pediatrico e quello delle urgenze

Sul sito del SIT sono disponibili i report sull’attivitĂ  di donazione e trapianto della Rete Nazionale Trapianti, le analisi sulla valutazione degli esiti dei trapianti e le statistiche aggiornate sulle dichiarazioni di volontĂ  in materia di donazione di organi e tessuti registrate presso le ASL, i Comuni e l’AIDO.

Come detto sopra, si è potenziali donatori solo dopo aver chiaramente espresso la propria volontà in tal senso, non vale cioè il silenzio assenso (previsto dalla legge 91/99). Come si diventa potenziali donatori? Presso le ASL, con il testamento biologico, iscrivendosi all’AIDO, qualcuno di noi ha ricevuto a suo tempo dal Ministero della Sanità la famosa Donacard (un tesserino blu dove si doveva barrare la volontà o meno alla donazione e da conservare con i propri documenti); recentemente anche rinnovando la carta d’identità è possibile esprimere la propria volontà alla donazione. In qualsiasi modo ci si esprima, si entra nel SIT, cioè nell’elenco nazionale dei potenziali donatori ed in caso di morte si potranno donare organi/tessuti.

Questo (molto sinteticamente) per i potenziali donatori. E i pazienti riceventi? Anzitutto deve essere chiaro che per poter accedere alla lista trapianto una persona deve soffrire di determinate patologie per le quali, l’unica terapia definitiva (e spesso salvavita) per la guarigione è il trapianto. Una volta diagnosticata la patologia, il paziente è sottoposto ad una serie di esami clinici volti a quella che si chiama tipizzazione del ricevente ovvero, in caso di disponibilità dell’organo da trapiantare, poter confrontare quest’organo e trovare il paziente più compatibile, ovvero quello che presenta maggiori possibilità che l’intervento di trapianto riesca. Tipizzato il paziente e verificato tutto, il centro regionale trapianti aggiunge la persona alla lista d’attesa per il trapianto. Le liste d’attesa sono a livello regionale, ovvero un paziente residente in Piemonte si potrà iscrivere solo per la lista d’attesa del Piemonte. I pazienti pediatrici e i pazienti in grave pericolo di vita sono invece iscritti nell’apposita lista nazionale. Deve altresì essere chiaro che per poter entrare in lista trapianto (e rimanerci) il paziente deve necessariamente seguire la terapia clinica di mantenimento (ovvero quella che gli permette di essere vivo o perlomeno di sopravvivere). Nessun dubbio quindi che delle 8688 (dati al 29/11/2019) attuali persone in attesa di un trapianto, tutte lo hanno bisogno e tutte sono “uguali”. L’assegnazione dell’organo al ricevente è fatta con rigorosi criteri scientifici/medici senza distinzioni tra chi è in lista.

Va altresì detto che la legge 91/99 “protegge” sia il donatore (e i suoi familiari) che il ricevente. Chi è trapiantato, del proprio donatore non sa assolutamente nulla, a parte una decina di parametri clinici che indicano il grado di compatibilità. Idem per i familiari del donatore. La donazione è un gesto assolutamente disinteressato, gratuito, di amore nei confronti dell’umanità e nei confronti di altre persone che rimarranno sconosciute. In questo modo è garantita sia la riservatezza del dolore dei familiari, sia eventuali sensi di colpa del ricevente che potrebbero instaurare un rapporto “malsano” con i familiari del donatore. Nessun trapiantato però scorderà mai che deve letteralmente la vita ad una persona sconosciuta che con un grande gesto d’amore ha permesso che la vita rifiorisse. Io la “mia amica” (so che è una donna) la penso e la ricordo tutti i giorni. E’ sempre con me.

Spero di aver in parte chiarito (per quel poco che ho scritto) cosa significa trapianto, donazione. Cosa significa sperare di ricevere la telefonata del centro trapianti che ti chiede di prepararti che c’è la possibilità del trapianto. Cosa significa vivere sapendo che lo si deve ad una persona sconosciuta, ad un gesto infinito d’amore; alla scommessa sull’umanità, sulla parte migliore dell’uomo.

Vi lascio alcuni link

https://www.aido.it/

http://www.trapianti.salute.gov.it/trapianti/homeCnt.jsp

http://www.trapiantipiemonte.it/index.html

12 anni

Wednesday, November 6th, 2019

Cara amica, sono passati 12 anni dal tuo dono. Un tempo lungo per gli uomini, perché dimenticano in fretta. Io però non ho dimenticato quel giorno quando arrivò la telefonata dal centro trapianti.

Né ho dimenticato tutti i momenti successivi: le visite preliminari in ospedale alla sera; la notte lunga e interminabile passata sveglio; la seduta di dialisi preparatoria al mattino e poi il viaggio a Novara con i preparativi e l’attesa della sala operatoria.

No, non ho dimenticato nulla di quelle 36 ore, né di tutte le altre ore che sono passate da allora. Non è passato giorno senza che almeno un mio pensiero sia stato per te.

In questi giorni ho pensato molto a cosa scrivere per l’occasione. Sai, ho un piccolo blog dove racconto di me (e di te) e anche su Twitter. In particolare su Twitter ho conosciuto persone che come dire, ti sarebbero piaciute; quelli della seconda occasione come me, e quelli che permettono il realizzarsi di questo grande gesto d’amore.

Ci provo, cara amica, a scrivere qualcosa di nuovo. Ma cancello spesso perché sembra tutto banale e sdolcinato quello che scrivo. E poi lo sai, non bisogna nutrire la bestia della colpa; il nemico più pericoloso per noi della seconda occasione.

Cerco di stare in silenzio, di ascoltarti, tocco la ferita ed è come se mi abbracciassi. Così senza una parola, solo il gesto che scalda il cuore, indipendentemente dalle parole dette. E poi sai che abbiamo i nostri appuntamenti nei miei sogni.

In questi anni ho parlato e scritto di te, e mi sembra sempre di scrivere e dire poco e male. E ti immagino che mi guardi e sorridi come a dire: va bene così Maury.

Mi scaldo ai tuoi abbracci che mi hanno ridato la vita.

Buon anniversario cara amica. Mille e mille tenerezze

Cena monferrina e i Vini Olivetta

Saturday, November 2nd, 2019

Questo post non è una marchetta, è invece un omaggio, un riconoscimento all’impegno, alla passione e al rispetto per il territorio e la sua gente da parte di una intera famiglia che crede in quello che fa e nelle potenzialitĂ  che il nostro straordinario Monferrato ha.
Sabato sere sono stato invitato a cena. Il menĂą era a base di polenta, spezzatino, torta cioccolato e pere, e per finire le nostre monferrine pere martin al vino.
L’invito è stato particolarmente gradito anche perchĂ© sapevo che avrei bevuto i vini dell’Azienda Agricola Olivetta. Questa azienda, situata a Castelletto Merli, ad un tiro di schioppo da Moncalvo, è una delle eccellenze del Monferrato. A condurla sono due grandi “giovani ragazzi”; Marco e Elisabetta; che con impegno e dedizione producono vini eccellenti.

Prima della cena abbiamo aperto con l’antipasto tipico monferrino: salame crudo, giardiniera e grisia. La giardiniera per chi non lo sapesse è uno dei piĂą tipici antipasti monferrini. E’un misto di verdure cotte in salsa di pomodoro e aceto. Si raccolgono i pomodori ben maturi, si cuociono e si passano fino ad ottenere una salsa priva di semi e bucce, si unisce olio extravergine di oliva, aceto bianco, sale fino, zucchero e quando il tutto riprende a cuocere si unisce la verdura lavata e asciugata a pezzetti. Prima si mettono le cipolline e le carote con il sedano, poi i fagiolini e dopo un po’ il cavolfiore, per ultimo il peperone giallo e la zucchina: verdura piĂą tenera e bisognosa di meno cottura, foglie di alloro e chiodi di garofano. A cottura ultimata si riempiono i barattoli con la giardiniera ancora bollente, un filo d’olio e si ripongono in cantina al buio.
Con un antipasto così è bene iniziare con un buon vino bianco. Ed è quello che abbiamo fatto: il Monferrato Doc Boccadoro di Marco e Elisabetta è stato un ottimo aperitivo. Savignon Blanc 100%, un bel giallo paglierino, note floreali e fruttate, con una piacevole freschezza in bocca. Insomma un aperitivo che ci ha preso per mano e accompagnato alla cena.

Con la polenta e un signor spezzatino (cinghiale, manzo e salsiccia) cucinati splendidamente è arrivata lei: la signora Barbera, uno dei pezzi da 90 di Marco e Elisabetta. Barbera Superiore del Monferrato DOCG. La signora Barbera di Olivetta.
Barbera 90%, 10% fresia. Un colore rosso impenetrabile, al naso frutti rossi e spezie, una grande struttura in un guanto di velluto al palato; persistenza finale lunghissima in cui una leggere acidità è perfettamente bilanciata da tannini dolci e uniformi e una gradazione alcolica di tutto rispetto. Annata Una Barbera che si è fatta 12 mesi in botti di rovere e li porta benissimo.
Questo grande vino ci ha accompagnato fino alla fine della cena ed oltre; perché con le mitiche pere martin al vino rosso e la torta cioccolato e pere è convolato a nozze.

Insomma la cena è stata è stata fantastica, la compagnia notevole e il vino di Marco ed Elisabetta una compagnia che già rimpiango.

Fatela una visita alla cantina di Marco ed Elisabetta, andate ad assaggiare i loro vini e a vedere come questi “ragazzi” hanno a cuore il loro lavoro e il territorio dove vivono. E poi fate un giro in Monferrato, comprate la polenta “Pignoletto Rosso”, un poco di carne e salciccia e tornate a casa. Mettetevi ai fornelli, invitate i vostri amici del cuore e aprite una bottiglia Olivetta: vi sembrerĂ  di essere qui in Monferrato, i vostri amici vi ringrazieranno e sarete felici.