Matteo Renzi prepara la rivoluzione

Un combattivo Matteo Renzi convoca a Firenze dal 5 al 7 novembre quanti vogliono un PD finalmente nuovo, propositivo, in sintonia con i nuovi tempi. E tanto per far capire da dove intende partire ecco uno stralcio delle sue dichiarazioni:

“Quello che poniamo da subito √® un problema di metodo: nel mondo civile i partiti rimangono sempre gli stessi, ma i leaders cambiano. Se perdono le elezioni i dirigenti politici si fanno una fondazione, scrivono un libro, danno suggerimenti, ma vanno a casa. Qualcuno di loro √® talmente bravo che dopo dieci anni di governo va a casa direttamente senza bisogno di perdere le elezioni. I partiti restano, i leaders cambiano, i problemi si affrontano. Da noi √® tutto alla rovescia: i dirigenti politici si fanno le fondazioni, scrivono libri, danno consigli ma rimangono l√¨, sempre, tenacemente abbarbicati allo strapuntino della seggiola. Non si schiodano, guai a chi li tocca. Si cambiano i partiti, si cambia il nome dei partiti, ma i leaders sono gli stessi, con le solite facce, le solite idee, il solito linguaggio. Con un gruppo di amici abbiamo pensato di non nasconderci. Di non restare in silenzio, quatti quatti ad aspettare che il grande orologio biologico della cooptazione faccia scattare il nostro turno. Ci siamo buttati nella mischia con la lealt√† di chi non ha niente da chiedere per s√©, se non il rispetto per le proprie idee. Ci hanno detto che siamo sfasciacarrozze e pierini, giovanotti e maleducati: noi abbiamo solo chiesto il rispetto di quella norma maleducata dello Statuto del Pd che dice che dopo tre mandati si va a casa. Vorr√† dire che lo chiederemo per piacere ‚ÄúScusi, cortesemente, potrebbe rispettare le regole e lasciare quello scranno dopo qualche decennio?‚ÄĚ

Io spero sinceramente che da questa iniziativa possa finalmente arrivare la spinta giusta per un nuovo PD. 

Questa iniziativa forse¬†offrir√† anche ai giovani di¬†Moncalvo, dove il PD √® rappresentato praticamente da una sola persona ormai da parecchi anni,¬† lo spunto per mettersi in gioco e provare loro stessi ad organizzare un’alternativa allo status quo.

Sharing is caring!

Tags: , , ,

One Response to “Matteo Renzi prepara la rivoluzione”

  1. […] ho seguito l’evento solo sul web dopo averne parlato in questo post e devo dire che sono entusiasta. Era da parecchio tempo che non mi capitava di rimanere affascinato […]