Leggendo la biografia di Steve

In questi giorni ho iniziato a leggere la biografia di Steve Jobs scritta da Walter Isaacson. La prima impressione è quella di un libro ben fatto, dove anche gli episodi più controversi della vita di Jobs vengono raccontati.

Ma la cosa che più mi ha colpito è l’affermazione di Steve Jobs, ripetuta anche in età matura, che le droghe psichedeliche e l’acido lo hanno aiutato ad aumentare il proprio grado di illuminazione: “Prendere l’LSD fu un esperienza profonda, una delle più importanti della mia vita. L’LSD ti mostra l’altra faccia della realtà e anche se non te ne ricordi quando l’effetto sparisce, sai che è così. L’LSD ha rafforzato in me la gerarchia dei valori, facendomi capire che cosa è importante: non già fare soldi, bensì creare grandi cose e rimettere il più possibile quelle cose nel flusso della storia e della coscienza umana.”

Ecco, questa è proprio una delle caratteristiche che, come scritto anche nel libro, fanno di Jobs una persona che è interessante da studiare, capire; una grande personalità che ha cambiato per sempre la nostra vita e il nostro rapporto con la tecnologia. Ma forse non una persona da emulare in tutto e per tutto.

Sharing is caring!

Tags: , , , , ,

Comments are closed.