Giornata della memoria

Oggi sono 64 anni dal 27 gennaio 1945, data in cui l’esercito sovietico varcò da liberatore i cancelli del campo di sterminio di Auschwitz. Oggi è anche la giornata della memoria, perché ricordando si eviti che la barbarie umana trovi ancora spazio nella storia.

Molte le iniziative per ricordare lo sterminio dei nostri fratelli maggiori (il popolo ebraico) e di tutti quanti persero la vita a causa della delirante ideologia del nazismo e della razza.

A volte mi soffermo a pensare cosa sarebbe stata l’Europa e il mondo se, per esempio, la cultura Yiddish non fosse stata quasi spazzata via dalla Shoah, e quali frutti avrebbe potuto darci a noi e al mondo intero. E’ meritorio il lavoro che Moni Ovadia persegue.

E come non ricordare che anche Moncalvo, che vantava la terza comunità ebraica del Piemonte dopo Torino e Casale Monferrato, è stata toccata da questa tragedia.

Stamattina a Moncalvo, per chi può, nel vicolo 27 gennaio (ex vicolo mercato, ex ghetto) ci sarà la toccante cerimonia dell’accensione delle candele in memoria delle vittime della Shoah. Grazie Deborah.

“Il sonno della memoria genera mostri. La ragione aiuta la memoria a rimanere sveglia”

Sharing is caring!

Comments are closed.