Posts Tagged ‘monferrato’

Mercatini di Natale monferrini

Monday, December 14th, 2015

Questa sera, intanto che aspetto che Adele finisse allenamento di pallavolo, ho scambiato quattro chiacchiere con Lia. I miei affezionati cinque lettori conoscono lei, Cristian, e la loro bella azienda agricola bio Cascina Krylia.

Lia mi ha raccontato tutta contenta che sono in corso i lavori di rinnovo del loro sito web  ma nel frattempo hanno aggiornato quello vecchio con informazioni sulla manifestazione natalizia alla quale parteciperanno.

Incuriosito della cosa sono andato sul sito di Cascina Krylia e ho scoperto che ad Alfiano Natta da venerd√¨ 18 a domenica 20 dicembre ci sar√† il mercatino di Natale. Un mercatino un po’ diverso dal solito, con degustazioni di prodotti tipici, torte, vini, formaggi, cioccolata calda, prodotti agricoli, cestini di Natale di verdure (sicuramente idea di Lia).

L’organizzazione dell’evento √® curata da Monferritici.

image

Una bella idea per passare il week end prima di Natale in modo diverso e non rinchiusi e pressati in un centro commerciale.

P.S.: Con Lia e Cristian a presto per il nuovo sito web di Cascina Krylia.

 

Agriturismo Crealto di Alfiano Natta e il mito del Grignolino

Sunday, June 1st, 2014

Questa sera siamo andaci a cena all’Agriturismo Crealto di Alfiano Natta. Il posto √® incantevole con una fantastica vista sulle colline del monferrato. La cucina √® veramente buona, con ottimi prodotti del territorio. Lo stile della cucina √® quello piemontese rivisitato con influenze liguri (i proprietari e lo chef sono di Genova) infatti abbiamo gustato un ottimo coniglio alla ligure con patate. Pane e grissini fatti in casa con farine del Mulino Marino. Come antipasto un’ottima salciccia “di qua” con insalata russa, sfoglia con verdure e mousse di caprino. Come primi piatti del tortelli di melanzane e tagliolini paglia e fieno con rag√Ļ di carne. Il coniglio alla ligure e per finire bonet, panna cotta con riduzione di barbera, cheesecake di fragole.

Ma secondo me il vero punto di forza di questo agriturismo √® dato dal vino prodotto in proprio. Infatti Luigi e Eleonora (i proprietari) hanno creato questo agriturismo acquistando l’azienda del mitico ex vigneron Carlo Quarello, conosciuto in tutto il Monferrato come il “Maestro del Grignolino“. Luigi (enologo) e Eleonora hanno lasciato Genova e si sono buttati in questa avventura con Andrea e Elisa (che curano la cucina) con grande passione, e bench√® l’azienda vinicola produca ottimi vini (barbera e monferrato) il vero gioiello √® il Grignolino del Monferrato Doc Crealto Marcaleone.

A sentire Grignolino i miei amici appassionati di vino storcono la bocca. Troppo abituati a Barbera, Nebiolo, Cabernet, Merlot, Sangiovese, insomma vitigni “nobili”. Io modestamente la penso come il Carlo Quarello; certo la barbera √® il nostro vino di punta, il fuoriclasse, quello che ci rende internazionali. Ma la vera forza del nostro territorio, quello che caratterizza il nostro terrior sono i vitigni storici come appunto il grignolino, l’arneis, il moscato, il ruch√® per citare i primi che mi vengono in mente. Troppo facile (per modo di dire) fare barbera. Provate a vinificare grignolino, a controllare la sua acidit√† e i suoi tannini e scoprirete un vino che non ha nulla da invidiare ad altri pi√Ļ blasonati e che rappresenta davvero un territorio e la sua gente. Come scrivono giustamente Luigi e Eleonora il grignolino Crealto Marcaleone √® vino scandalo, vino dispari, vino difficile e poco redditizio, ma profondamente amato. E appunto chi ama il Monferrato certamente ama la barbera, come un uomo ama le belle donne, ma non pu√≤ nascondere che il suo cuore √® indissolubilmente legato anche ad un’altra: quel grignolino che √® radicato nel nostro essere monferrini.

Andate a fare un visita a Crealto, assaggiate la loro cucina, godete della loro ospitalità e del panorama e oltre alla barbera assaggiate anche il grignolino. Capirete meglio il Monferrato e la sua gente.

La Winer finalista anche allo Smau 2014 Bologna

Friday, May 30th, 2014

image

Ormai Carlo e la Winer sono lanciatissimi. Finalisti anche allo Smau 2014 Bologna. E chi li ferma pi√Ļ? Di questo passo per parlargli insieme dovr√≤ prendere appuntamento con due segretarie.

Winer vincitore allo smau torino 2014

Thursday, May 15th, 2014

winer premio smau

Questo √® uno dei post pi√Ļ belli che mi √® capitato di scrivere in questi anni. Sono orgoglioso di essere moncalvese e di aver condiviso un piccolo pezzo di vita con Carlo Farotto. Lui e la Winer vincitori allo smau torino 2014 sono l’esempio da seguire per il rilancio del nostro territorio. L’esempio di come sia possibile coniugare tradizione e innovazione; perch√® questo √® il futuro, ed √® proprio nel creare questo giusto rapporto tra passato e modernit√† che ci giochiamo la partita per non retrocedere a paese di serie B. E quale campo migliore vorreste avere se non Moncalvo e il Monferrato per giocare la partita del futuro?

E quando saranno passate le elezioni amministrative, qualunque lista vinca a Moncalvo, mi aspetto un invito ufficiale al Carlo. Non solo per rendergli il giusto riconoscimento, ma sopratutto per fargli raccontare come √® nata l’idea, come “si diventa innovatori”, quali i progetti ha in mente.

Abbiamo bisogno di storie come quella della Winer. Abbiamo bisogno di esempi e stimoli per immaginarci (e costruirci) un futuro per noi e per i nostri figli.

 

 

Innovatori e startup in monferrato: Winer

Sunday, May 11th, 2014

winer

Mi capita spesso di fare post sull’innovazione e sulle grandi opportunit√† che la rete offre a chiunque sappia approfitarne. Basta avere un’idea, un sogno, un progetto e perseverare sulla strada della realizzazione.

Io mi sento dire spesso che qui da noi, a Moncalvo e nel Monferrato, queste cose non ci sono; per tutta una serie di ragioni sociali ed economiche. Siamo un territorio prevalentemente agricolo, con poche imprese, spesso piccole. La nostra vocazione non pu√≤ che essere l’agricoltura e il turismo abbinato al commercio dei prodotti locali.

Invece ci sono persone che hanno saputo coniugare la passione per il vino (uno dei prodotti di punta della nostra economia) con la tecnologia e la rete. Un’azienda che oltre all’innovazione √® legata a filo doppio con il nostro territorio perch√® fondata da un caro amico moncalvese con il quale abbiamo (tanti anni fa) fatto un pezzo di strada insieme: Carlo Farotto.

Lo avevo perso di vista, ma conoscendo le sue capacit√†, ero sicuro che ne avrei sentito ancora parlare. Ha fondato l’azienda Winer con sede a Casale Monferrato. L’azienda produce (e ha anche brevettato) macchinari tecnologicamente avanzati per la vinificazione ed √® finalista allo smau 2014 come una delle aziende ict pi√Ļ innovative.

Ecco questa √® l’innovazione e il futuro che sogno per Moncalvo e il Monferrato. Un grande in bocca al lupo a Carlo per la sua azienda e il suo lavoro. E chiss√† che uno di questi giorni non si riesca a fare qualcosa insieme per fars√¨ che altri ragazzi con idee e sogni da realizzare possana trovare aiuto e modelli a cui ispirarsi.

 

Locanda Casa Costa

Sunday, April 8th, 2012

Da buon monferrino sono anche appassionato di vini e cucina e quindi cerco di rimanere aggiornato sui ristoranti della zona. Recentemente l’amico Antonio, per altro della mia stessa leva, ha aperto una locanda proprio in zona. Il locale si chiama Locanda Casa Costa ed √® a Grazzano Badoglio, un paese a 5 minuti da Moncalvo.

I suoi genitori (i veri artefici della cucina) sono di origine calabrese e quindi il men√Ļ √® come spaccato in due: piatti di pesce e piatti di terra di stretta osservanza monferrina.

Nelle mie tre visite ho assaggiato la cucina di pesce: antipasto misto di pesce, spaghetti alle vongole, trofie gamberetti e zucchine, tonno alla pietra e verdure. Tutti eccellenti. Dal venerdì alla domenica fanno anche la pizza nel forno a legna; io ho assaggiato la Casa Costa: stracchino, frutti di mare e anduja calabrese. Buonissima.

I vini sono dell’Azienda Agricola Sulin, ottimo produttore di vini tipici del Monferrato.

E se avete bambini piccoli non preoccupatevi, √® stato allestito da Antonio, (che ha tre bambini) uno spazio giochi all’interno del locale.

Un locale davvero da provare e frequentare.