Irregolari della vita

In questi giorni sto rileggendo con piacere “Nel legno e nella pietra” di Mauro Corona un bellissimo libro del grande sculture-scrittore-alpinista ertano.

In un suo mini-racconto del libro, che ha per titolo Un Abbraccio alla Montagna, dove parla tra l’altro del Campanile di  Val Montanaia e di Erri De Luca, implicitamente dice di se e di altri due suoi amici (tra cui Erri De Luca) che sono degli irregolari della vita.

Ecco, senza essere presuntuoso, anche io mi sento un’irregolare della vita. Uno al quale si è dato una seconda possibilità senza spiegargli il perché, senza dargli un obiettivo, una meta. Uno spettatore con un biglietto omaggio capitatogli per sbaglio in mano e che non sa bene cosa fare.

Comments are closed.