Archive for May, 2016

Il CantaInsieme Letterario 2016

Wednesday, May 25th, 2016

Come tutti gli anni, l’amico Pietro con i ragazzi delle Scuole di¬†Moncalvo propone lo spettacolo musicale di fine anno.

Questa volta, oltre alla musica, c’√® anche la lettura…

image

L’appuntamento √® per venerd√¨ 27 maggio 2016 alle ore 21:15 presso la Chiesa di San Francesco a Moncalvo. Una buona occasione per festeggiare insieme ai ragazzi e valorizzare l’impegno di insegnanti che ci mettono davvero l’anima.

E ovviamente un grande “bravo!!” a Pietro per la nomina a “esperto interno progettista lan/wlan” che ha ottenuto in merito alla realizzazione della nuova rete intranet/internet per le Scuole di¬†Moncalvo.

Links 16/05/2016

Monday, May 16th, 2016

Finalmente Italia pi√Ļ civile

 

Internet a Moncalvo: a che punto siamo? Seconda puntata

Thursday, May 12th, 2016

Riprendo il discorso di questo post, aggiungendo, per così dire argomenti al pessimismo.

Carlo Farotto e la Winer, sono i vincitori di un importante premio sulle migliori start up innovative del Piemonte. Carlo √® un amico, oltre che un moncalvese docg, anche se ormai vive altrove. Carlo ed altri soci, hanno fondato la Winer, societ√† specializzata nella progettazione e costruzione di macchine enologiche, che per√≤ hanno una particolarit√†: grazie alla famosa internet of things √® possibile controllarle attraverso internet. Insomma una azienda innovativa, qualcuno direbbe 2.0, e che fa innovazione su un prodotto che √® la punta di diamante del nostro territorio: il vino. Mi sarei aspettato¬†da parte di Moncalvo, almeno una qualche forma di “pubblico riconoscimento”, o un invito o qualunque altra cosa per Carlo. Nulla. Ho scritto di Carlo sul blog e anche parlato della cosa a persone che a Moncalvo “contano”. La risposta √® stata: ah s√¨? Non lo sapevo; con fine dell’interesse e cambio di argomento.

 

Internet e Moncalvo: a che punto siamo?

Monday, May 9th, 2016

E’ passato del tempo da questo post sulla situazione dei siti internet moncalvesi. A distanza di due anni a che punto siamo?

Non so i miei 5 lettori, ma ad oggi ho conferma del mio pessimismo. La lista MoncalvoViva, nel frattempo trasformatasi nell’ennesima associazione moncalvesi, e per inciso mai capir√≤ la mania dei miei concittadini di fondare associazioni una dietro l’altra, √®¬†sempre meno “presente” in rete. Io me lo ricordo ancora il loro programma: Internet mezzo privilegiato di dialogo con i cittadini, porteremo il consiglio comunale in streaming e via di questo passo. I risultati sono sotto gli occhi di tutti: sito web cimiteriale e contenuti zero. Ma c’√® la pagina Facebook qualcuno potrebbe dire. A parte la mia polemica che FB non √® internet, anche se ad alcuni piace pensarlo, anche l√¨ non √® diverso.

E la lista ProgettoMoncalvo? I vincenti? Per cominciare il sito non √® mai stato attivo, la pagina Facebook non c’√® pi√Ļ. Si mi obietterete, ma loro adesso governano, quindi gestiscono i siti web ufficiali del Comune. Vogliamo parlare del sito web del Comune? O della due, dicasi due, pagine Facebook su Moncalvo? O del sito della Fiera del Tartufo, con rimandi a pagine Facebook inesistenti e account Twitter fermi a due (due!!) twit del 2013? Anche il loro programma prometteva attenzione alla rete, alle nuove tecnologie e via dicendo. Risultato? L’ennesimo, a mio avviso inutile, sito vetrina su Moncalvo, sponsorizzato dal Comune ma registrato e gestito da un privato.

Una sconfitta, una ignoranza della rete, della cultura digitale, manifestata quasi con compiacimento. Ma temo che questo atteggiamento non sia solo dei miei concittadini moncalvesi, ma sia comune a tutto il territorio. Un Monferrato dove le persone che utilizzano la rete sono prevalentemente su FB, quindi con conoscenza limitata della “cultura della rete”. Le PA scarsamente informatizzate e con pochissimi servizi in internet per i cittadini. Siti web ancora con una visione limitata alla presenza in rete o poco pi√Ļ, senza coinvolgimento del frequentatore e ancor meno e-commerce. I pochi innovatori, penso all’amico Carlo di Winer, visti come eccentrici.

Un digital divide culturale profondo e che richiederebbe un impegno costante, a cominciare dalle scuole, dai ragazzi e poi agli adulti. Un progetto sul lungo periodo, dove le istituzioni ci metto del loro, ma anche le persone a fare la loro parte.

Appunto un sogno….